Overview - area di ricerca biomedica

La ricerca biomedica di Avantea si svolge in tre settori: modelli animali, cellule staminali e test tossicologici, tutti settori che si basano sull’applicazione di tecnologie della riproduzione avanzate.

In ambito biomedico Avantea ha preso parte ad un grande progetto di ricerca Europeo, Xenome, per la derivazione di suini con caratteristiche genetiche tali da renderli più immunocompatibili con l’uomo. L’obiettivo è quello di generare dei suini, tramite clonazione, che possano essere donatori di tessuti per l’uomo. Altri progetti di ricerca in corso riguardano la generazione di suini per la chirurgia sperimentale, cioè suini portatori di geni marcatori che consentano di identificare i loro tessuti dopo trapianto e suini modello di alcune patologie degenerative umane. 

Nell’area delle cellule staminali Avantea ha partecipato al progetto di ricerca europeo (Plurysis, FP7) e svolge ricerca di base sulle cellule embrionali staminali dell’embrione bovino come modello comparativo rispetto al modello delle cellule staminali murine.

Nell’ambito dell’utilizzo delle tecnologie della riproduzione per scopi biomedici Avantea è partner del progetto Reprotect, nel quale ha sviluppato alcuni test tossicologici basati su gameti e embrioni animali, e dei progetti Esnats e Scr&tox  nei quali lo sviluppo dei test è basato su cellule staminali di varia origine. Si tratta di un’area di ricerca fortemente emergente a livello internazionale e che risponde all’esigenza di mettere a punto dei test di laboratorio alternativi all’uso dei piccoli roditori, normalmente utilizzati per i test tossicologici convenzionali, vale a dire test che non richiedano sacrifici animali.

Avantea coordina progetti nazionali e internazionali in ambito di ricerca biomedica. Per ulteriori informazioni